TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
La rivista del demanio e patrimonio
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
ANNO XI   
ISSN 2035-6544
 
CHI SIAMO REGISTRAZIONE ABBONAMENTI CONTATTI   direttore giuridico: dott. Raffaello Gisondi, direttore tecnico: ing. Antonio Iovine  
CERCA Ricerca
 
 
italia
 
Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Sardegna Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Puglia Campania Basilicata Calabria Sicilia










































CONTRASTO URBANISTICO-AMBIENTALE-IDROGEOLOGICO: DISCREZIONALITA' DEL COMUNE NELLA CONFISCA EDILIZIA

Come nota la giurisprudenza amministrativa, il destino del bene acquisito è rimesso alla discrezionalità del comune. Tale discrezionalità, tuttavia, non è illimitata, giacché il legislatore ha cura di specificare i parametri che devono guidare il consiglio nella sua valutazione: da un lato, infatti, l’organo politico deve valutare «l’esistenza di prevalenti interessi pubblici»; dall’altro (e preliminarmente) è necessario che «l’opera non contrasti con rilevanti interessi urbanistici, ambientali o di rispetto dell’assetto idrogeologico». Il rispetto di tali parametri decisionali, a qualunque risultato cAonduca, è soggetto a sindacato giurisdizionale. Da un lato, infatti, l’opzione demolitoria può essere contestata dai responsabili dell’abuso, segnatamente perché comporta delle spese a loro carico[5]. Tali responsabili, invece, non sono legittimati a contestare l’opzione conservativa, che non li espone ad esborsi patrimoniali e riguarda un fabbricato che non è più di loro proprietà. Un’opzione di questo tipo, tuttavia, può essere impugnata dai controinteressati e segnatamente dagli abitanti della zona, i quali hanno sicuramente interesse a sottoporre all’autorità giurisdizionale la decisione amministrativa (necessariamente motivata[6]) di mantenere in situ, con effetto sostanzialmente sanante, un immobile abusivo[7], tanto più laddove tale abusivismo sia stato dichiarato all’esito di un contenzioso giurisdizionale


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.


DOSSIER
 
 
 
 
 
 
 





































Powered by Next.it