TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
La rivista del demanio e patrimonio
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
ANNO XI   
ISSN 2035-6544
 
CHI SIAMO REGISTRAZIONE ABBONAMENTI CONTATTI   direttore giuridico: dott. Raffaello Gisondi, direttore tecnico: ing. Antonio Iovine  
CERCA Ricerca
 
 
italia
 
Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Sardegna Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Puglia Campania Basilicata Calabria Sicilia








































NON È SUFFICIENTE CHE UN'AREA SIA ESCLUSA DALLA TRASFORMAZIONE URBANISTICA PER POTERSI RAVVISARE UN VINCOLO ESPROPRIATIVO

Non è sufficiente che l’area sia esclusa dalla trasformazione urbanistica perché il vincolo sia definito espropriativo, essendo invece necessario che sia prevista l’acquisizione alla mano pubblica. Ciò a maggior ragione laddove l’impossibilità di trasformazione dell’area discenda dalle sue caratteristiche intrinseche, con la conseguenza che viene meno il carattere “particolare” della disciplina dell’area che è idoneo a riconoscere la natura espropriativa del vincolo. Infatti hanno natura conformativa i vincoli urbanistici che riguardino intere categorie di beni secondo caratteristiche loro intrinseche, con carattere di generalità ed in modo obiettivo. [Nella fattispecie area attigua ad una zona scoscesa che decliva verso il fiume].


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 

DOSSIER
 
 
 
 
 
 
 





































Powered by Next.it