TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
La rivista del demanio e patrimonio
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
ANNO X   
ISSN 2035-6544
 
CHI SIAMO REGISTRAZIONE ABBONAMENTI CONTATTI   direttore giuridico: dott. Raffaello Gisondi, direttore tecnico: ing. Antonio Iovine  
CERCA Ricerca
 
 
italia
 
Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Sardegna Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Puglia Campania Basilicata Calabria Sicilia










































LA VOCAZIONE EDIFICATORIA RILEVA NELLE VICENDE ESPROPRIATIVE, NON IN QUELLE URBANISTICHE

Ove una determinata zona risulti in continuità con ambiti contigui in cui siano presenti insediamenti produttivi, che potrebbero dar luogo ad un’area di completamento urbanistico, è possibile per il pianificatore destinare motivatamente tali ambiti a tutela ambientale. La nozione di naturale vocazione edificatoria può infatti essere appropriatamente impiegata soltanto nel contesto delle vicende espropriative, mentre non si attaglia al diverso ambito della disciplina d’uso dei suoli, poiché – postulando la preesistenza di una edificabilità di fatto – contraddice la sottoposizione di ogni attività edilizia alle scelte pianificatorie dell’Amministrazione.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 

DOSSIER
 
 
 
 
 
 
 
 







































Powered by Next.it