TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
La rivista del demanio e patrimonio
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
ANNO X   
ISSN 2035-6544
 
CHI SIAMO REGISTRAZIONE ABBONAMENTI CONTATTI   direttore giuridico: dott. Raffaello Gisondi, direttore tecnico: ing. Antonio Iovine  
CERCA Ricerca
 
 
italia
 
Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Sardegna Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Puglia Campania Basilicata Calabria Sicilia










































L'ACQUISIZIONE GRATUITA DI UNA PORZIONE ULTERIORE RISPETTO ALL’AREA DI SEDIME DELL’ABUSO EDILIZIO DEVE ESSERE ADEGUATAMENTE MOTIVATA

Nel caso in cui la P.A. mostri di voler includere tra le aree oggetto di acquisizione gratuita anche una porzione ulteriore rispetto a quella coincidente con l’area di sedime dell’abuso edilizio, tale individuazione deve essere adeguatamente motivata in relazione al perseguimento di uno specifico interesse pubblico. Mentre infatti per l’area su cui poggia l’opera abusiva l’automatismo dell’effetto acquisitivo rende superflua ogni motivazione sul punto - essendo necessaria solo l’individuazione catastale del bene abusivo – l’individuazione di un’area ulteriore da acquisire deve essere congruamente giustificata con l’esplicitazione delle ragioni che rendono necessario disporre l’ulteriore acquisto e l’indicazione dei criteri di determinazione della superficie complessiva che il Comune intende acquisire, anche mediante il riferimento alle opere necessarie, destinate a occupare tale ulteriore area.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 

DOSSIER
 
 
 
 
 
 
 
 







































Powered by Next.it