TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
La rivista del demanio e patrimonio
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
ANNO X   
ISSN 2035-6544
 
CHI SIAMO REGISTRAZIONE ABBONAMENTI CONTATTI   direttore giuridico: dott. Raffaello Gisondi, direttore tecnico: ing. Antonio Iovine  
CERCA Ricerca
 
 
italia
 
Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Sardegna Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Puglia Campania Basilicata Calabria Sicilia








































I MUTAMENTI DI DESTINAZIONE D’USO TRA DIVERSE CATEGORIE FUNZIONALI NECESSITANO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE SE COMPORTANO AUMENTO DEL CARICO URBANISTICO

L’art. 23-ter t.u. edilizia è una norma di chiusura, che nell’individuare i mutamenti di destinazione d’uso tra diverse categorie funzionali, intende da un lato riaffermare la regola del permesso di costruire per interventi comportanti un maggiore carico urbanistico «ancorché non accompagnata dall'esecuzione di opere edilizie»; e dall’altro limitare il regime di alternativa con la c.d. super-s.c.i.a. introdotto con il d.lgs. n. 222 del 2016, per le ipotesi da esso tassativamente previste.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 

DOSSIER
 
 
 
 
 
 
 



































Powered by Next.it