TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
La rivista del demanio e patrimonio
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
ANNO X   
ISSN 2035-6544
 
CHI SIAMO REGISTRAZIONE ABBONAMENTI CONTATTI   direttore giuridico: dott. Raffaello Gisondi, direttore tecnico: ing. Antonio Iovine  
CERCA Ricerca
 
 
italia
 
Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Sardegna Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Puglia Campania Basilicata Calabria Sicilia








































LA DICATIO AD PATRIAM PUÒ SCATURIRE DALL'ADEMPIMENTO DI UNA CONVENZIONE DI LOTTIZZAZIONE

La servitù per dicatio ad patriam si costituisce in modo istantaneo, in corrispondenza esclusivamente della volontà di consegna da parte del proprietario e della destinazione del bene all’uso pubblico, senza che rilevi la specifica intenzionalità diretta alla produzione dell’effetto di dar vita al diritto di uso pubblico (rispondendo ad esempio la consegna all'intento di adempiere ad una convenzione di lottizzazione) e senza che rilevino successivi mutamenti di destinazione dello stesso. Detta forma di costituzione del diritto di uso pubblico non richiede atti formali né il decorso di un determinato periodo di tempo, ovvero altri requisiti tipici del modo di acquisto della proprietà o di altri diritti reali per usucapione.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 

DOSSIER
 
 
 
 
 
 
 
 







































Powered by Next.it