TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
La rivista del demanio e patrimonio
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
ANNO X   
ISSN 2035-6544
 
CHI SIAMO REGISTRAZIONE ABBONAMENTI CONTATTI   direttore giuridico: dott. Raffaello Gisondi, direttore tecnico: ing. Antonio Iovine  
CERCA Ricerca
 
 
italia
 
Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Sardegna Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Puglia Campania Basilicata Calabria Sicilia








































LA VARIANTE ILLEGITTIMA NON CAGIONA UN DANNO RISARCIBILE SE PER EDIFICARE OCCORRONO NUOVE VALUTAZIONI URBANISTICO-EDILIZIE

Qualora, in seguito all'illegittimo provvedimento amministrativo (nella specie, una variante urbanistica), per conseguire il bene della vita avrebbero dovuto positivamente concludersi due procedimenti amministrativi (l'uno di tipo urbanistico, l'altro di tipo edilizio), il primo dei quali, in particolare, volto all’esercizio del potere discrezionale dell’amministrazione in materia di pianificazione urbanistica, non si può effettuare quella valutazione in termini di “certezza”, che la giurisprudenza richiede onde ritenere comprovata la sussistenza di un titolo di “spettanza” leso e, dunque, possibile oggetto di risarcimento del danno.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 

DOSSIER
 
 
 
 
 
 
 
 







































Powered by Next.it