NOTIZIARIO QUOTIDIANO IN FORMATO DIGITALE ISSN 2035-6544 (ANNO XI)  
TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
La rivista del demanio e patrimonio
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
 
CHI SIAMO REGISTRAZIONE ABBONAMENTI CONTATTI   direttore giuridico: dott. Raffaello Gisondi, direttore tecnico: ing. Antonio Iovine  
CERCA Ricerca
 
 
italia
 
Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Sardegna Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Puglia Campania Basilicata Calabria Sicilia






























SOLO NELLA FASE ESECUTIVA VA VALUTATA LA SOSTITUIBILITÀ DELLA DEMOLIZIONE CON LA SANZIONE ALTERNATIVA PECUNIARIA

È solo nella fase esecutiva, successiva ed autonoma rispetto a quella di diffida – la quale si verifica allorquando l’autore dell’abuso non abbia ottemperato spontaneamente all’intimata demolizione – che viene in rilievo la necessità della misura restitutoria e la conseguente applicazione della sanzione ablatoria (ove si tratti di nuova costruzione sine titulo, di totale difformità o variazione essenziale rispetto al rilasciato permesso di costruire) ovvero la sostituibilità della demolizione con la sanzione alternativa pecuniaria ex art. 34, comma 2, del d.p.r. n. 380/2001 (ove si tratti di difformità parziale rispetto al rilasciato permesso di costruire).


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 

DOSSIER
 
 
 
 
 
 
 



































Powered by Next.it