TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
La rivista del demanio e patrimonio
CatastOnline - Aggiornamento e informazione tecnica in materia di catasto
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
ANNO IX   
ISSN 2035-6544
 
COS'È URBIUM E CHI SIAMO REGISTRAZIONE ABBONAMENTI CONTATTI   Direttore scientifico: dott. Raffaello Gisondi  
CERCA Ricerca
 
 
italia
 
Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Sardegna Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Puglia Campania Basilicata Calabria Sicilia
















NON SI PUÒ RITENERE SANATO UN ABUSO EDILIZIO PER IL SOLO RITARDO CON CUI L’AMMINISTRAZIONE PROVVEDA A INGIUNGERE L’ORDINE DI DEMOLIZIONE

Non si può ritenere sanato un abuso edilizio per il solo ritardo con cui l’amministrazione provveda all’ingiunzione dell’ordine di demolizione, in quanto non può attribuirsi all’inerzia, o addirittura alla compiacenza o connivenza degli organi pubblici in carica pro tempore, valore di sostanziale sanatoria, strumento che la legge prevede solo in casi tassativi, o con leggi straordinarie sul condono o con la normativa sull’accertamento di conformità. Infatti, i provvedimenti sanzionatori di abusi edilizi non hanno bisogno di particolare motivazione, essendo sufficiente la descrizione e la rappresentazione delle opere abusivamente realizzate.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 

DOSSIER
 
 
 
 
 
 
 

























Powered by Next.it