TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
La rivista del demanio e patrimonio
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
ANNO IX   
ISSN 2035-6544
 
CHI SIAMO REGISTRAZIONE ABBONAMENTI CONTATTI   direttore giuridico: dott. Raffaello Gisondi, direttore tecnico: ing. Antonio Iovine  
CERCA Ricerca
 
 
italia
 
Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Sardegna Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Puglia Campania Basilicata Calabria Sicilia








































I PRINCIPI DI SOLIDARIETA’ E BUONA FEDE NON IMPONGONO ALLA P.A. DI APPROVARE MODIFICHE AL PIANO DI RECUPERO

Le variazioni sostanziali delle originali caratteristiche di piano di recupero, che importano, nella sostanza, notevoli modifiche degli iniziali profili definitivi di carattere costruttivo e planivolumentrico del relativo insediamento (nella specie la previsione di edifici a blocco in sostituzione dei precedenti fabbricati in linea e una nuova modellazione del terrapieno, quote altimetriche più elevate, la riduzione di standard, criticità nella nuova viabilità) non possono considerarsi attuative di quei principi di solidarietà, di buona fede e correttezza che informano la fase di esecuzione del contratto, imponendo alla controparte contrattuale di tenere tutti quei comportamenti che, seppure non espressamente previsti nel titolo, sono nella sostanza strumentali e propedeutici alla corretta e leale realizzazione del programma negoziale.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 

DOSSIER
 
 
 
 
 
 
 
 







































Powered by Next.it