TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
La rivista del demanio e patrimonio
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
ANNO X   
ISSN 2035-6544
 
CHI SIAMO REGISTRAZIONE ABBONAMENTI CONTATTI   direttore giuridico: dott. Raffaello Gisondi, direttore tecnico: ing. Antonio Iovine  
CERCA Ricerca
 
 
italia
 
Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Sardegna Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Puglia Campania Basilicata Calabria Sicilia








































L’ART. 95 CONFIGURA UN REATO EDILIZIO COMUNE CHE PUÒ ESSERE REALIZZATO DA CHIUNQUE ABBIA DISPONIBILITÀ DELL'IMMOBILE O DELL'AREA IN CUI SORGE

In tema di reati edilizi il D.P.R. n. 380 del 2001, art. 95 attribuisce la responsabilità del reato contemplato da tale disposizione a chiunque violi le disposizioni richiamate (dunque anche quella di cui agli artt. 93 e 94, contenute nel medesimo capo IV), cosicchè la violazione assume la natura di reato comune, che può essere realizzato dal proprietario, dal committente, dal titolare della concessione edilizia e da qualsiasi altro soggetto che abbia la disponibilità dell'immobile o dell'area su cui esso sorge, nonchè da coloro che abbiano svolto attività tecnica e iniziato la costruzione senza il doveroso controllo del rispetto degli adempimenti di legge.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 

DOSSIER
 
 
 
 
 
 
 
 







































Powered by Next.it