TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
La rivista del demanio e patrimonio
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
ANNO X   
ISSN 2035-6544
 
CHI SIAMO REGISTRAZIONE ABBONAMENTI CONTATTI   direttore giuridico: dott. Raffaello Gisondi, direttore tecnico: ing. Antonio Iovine  
CERCA Ricerca
 
 
italia
 
Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Sardegna Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Puglia Campania Basilicata Calabria Sicilia








































IL LASTRICO SOLARE NON COSTITUISCE TRASFORMAZIONE EDILIZIA PERCHÉ PER IL SUO UTILIZZO NON DETERMINA MODIFICAZIONE RADICALE DI OPERA PREESITENTE

Se pure è vero che il concetto di trasformazione edilizia non comprende soltanto l'edificazione di una o più costruzioni non prima esistenti su area libera, ma deve ritenersi esteso anche alla modificazione del preesistente, tanto radicale da snaturarne completamente la precedente consistenza e tale da determinare la produzione di un oggetto complementare diverso e nuovo in considerazione dell'entità delle modifiche o della variazione degli standard di cui al d.m. 2 aprile 1968, occorre potersi dimostrare che la trasformazione ha modificato l’assetto del bene, determinando una diversità significativa nel suo utilizzo; nel caso di lastrici solari pare evidente che il loro utilizzo, quando non via siano state realizzate al di sopra costruzioni, non può che restare sostanzialmente invariato.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 

DOSSIER
 
 
 
 
 
 
 
 





































Powered by Next.it